Fashion Sadness, politically uncorrect, Uncategorized

Scusa ma ti chiamo “Gay”

Sono varie ed eventuali le cose che, nella vita di tutti i giorni e pur avendo discrete esperienze, non ho ancora capito.

Dopo tre anni di coinquilinanza ancora non ho capito se quelli che facciamo a casa sono “tardopranzi” o “prestocene“.

Non ho capito se Monti, quando parla di abolire il contratto indeterminato e aumentare l’età pensionabile ci stia prendendo per il culo tutti facendo tornare di moda le candid.

Non ho capito perchè certi tipi di uomini sono fatalmente attratti da certi tipi di donne dolcemente complicate e fatalmente troie.

E, soprattutto, non ho capito perchè non certi tipi di donne ma tutte sono attratte, almeno una volta nella vita, da un gay. Per gay intendo proprio gay. Non ragazzi spesso molto felici e contagiosamente gioiosi. Gay.

Omosessuali. Filoverga e/o filoderetano. Cultori del manganello anarchico. Un gay che sfoggia tutto il suo carisma, il suo carattere, il suo gusto inconfondibile di vestire, la sua sensibilità e la sua disumana gentilezza.  Che ci farà impazzire con i suoi complimenti sempre azzeccati e i suoi amorevoli consigli.

E no. Noi non lo riconosceremo.

Ci illuderemo che esistano uomini virili capaci di saper abbinare in maniera egregia l’arancione e il giallo.

Immagine

Nella mia turbolenta quanto demenziale vita post adolescenziale, la cotta “pro gay” mi è capitata.

Mi è capitata con un amico stretto di Malavoglia, amico con cui è cresciuto e del quale lui, molto piu’ sveglio e attento della sottoscritta qui scrivente, aveva già “capito tutto”. Lui si chiamava Walter (mai nome fu piu’ esplicito di questo in questo particolare caso) ed era alto, bellino, sempre ben curato e ben vestito con un aggraziato nonchè affabile modo di fare.  Sapeva abbinare benissimo il verde acido con tutto.

Il verde acido. Colore che nemmeno la reincarnazione di Versace che sposa Valentino saprebbe infilare in modo entusiasta in una collezione di pret a porter. E io, che credevo nel principe azzurro dai modi educati contro il rutto libero del sabato sera ero convinta di aver trovato il ragazzino che faceva per me, prima che Malavoglia esprimesse il suo totale dissenso dicendo, in maniera molto romantica :” che cazzo deve fare per farti capire che gli piace la ciola? mettere l’immagine del miominipony come foto profilo?”

E aveva ragione. Aveva ragione per tanti motivi: perchè poi lo si sapeva un po’ tutti, perchè  a conoscerlo e pensarci bene col senno di poi era lampante con tutte quelle gioiose amiche pregne dei suoi consigli e perchè alla fine era solo uno snob molto gay e molto ricco. Che non centra niente questo con l’essere gay ma lo dico. Rivincita personale.

Che poi io, da persona che ormai è munita del “radar gay” non lo capisco quando le donne fanno quella faccia se dico “ma guarda che quello là è profondamente derataniano. Te lo dico io.”  Non lo capisco il motivo per cui nella mente di una donna non scatta il domandone “come cazzo è che questo si mette sulla testa i rayban con fare voluttuoso e sbuffa alla stessa maniera di Mara Venier dopo un’iniezione di botox?”

Non capisco il motivo di cotanta illusoria pretenziosità dell’aver trovato il ragazzo giusto/carino/bravo/talentuoso (de che?) che ti sorride e con una stretta di mano alla Carla Fracci ti dice “dobbiamo ASSOLUTAMENTE fare dello shopping insieme!”

Da notare l’ “assolutamente” inconfondibile del gay pro amicizie con ormonaute.

Perchè tra ormoni ce la si intende, sempre e comunque.

Il gay, esemplare inconfondibile della nostra fauna, ha subito una evoluzione sorprendente che, alla luce delle contraddizioni sociali post moderne e dei clichè mai cambiati lo rendono ancora piu’ inconfondibile.

Immagine

Negli anni ottanta, quando Pupo era il capo con il suo “gelato” e le sopracciglia erano LE sopracciglia, la fantastica collaborazione con Cristiano Malgioglio la faceva da padrone.

Ed il gay (felicemente dichiarato, si intende) non aveva paura di mostrarsi.

Ricordo ancora i Wham!, fantastico gruppo del leader George Michael: il conturbante macho che curatissimo e abbronzato manco uscisse da uno spot della Bilboa ancheggiava sexy e a ritmo cantando “wake me up before you go go“. E ditemi se non era esplicito con quel perfetto sculettamento.

Innumerevoli i pianti delle ragazzine deluse dal suo outing.

Immagine

Negli anni ’90 il gay prende piena coscienza di sè, si avvale dei suoi sacrosanti diritti (ancora non tutti riconosciuti) e si riscopre artista a 360 gradi. Sarebbe facile qui fare la battuta “e non solo a 90” ma io che sono una persona seria e piena di buoni sentimenti non la farò.

Assolutamente.

Si scopre poeta, regista, scrittore di successo e abbandona l’eccentricità dei ciuffi platino per maglioncini a collo alto e occhiali dalla montatura scura imitando l’outfit dell’insegnante di teatro sinistroide e sofisticato. Il radical chic è una loro invenzione.

Immagine

Diamo a Cesare quel che è di Cesare.

L’Omo Sapiens contemporaneo sceglie la via di mezzo tra la sobrietà e l’eccentricità: non ha particolarismi nel vestiario (salvo citare il mio amico Omoardo che ogni tanto sfoggiava camice di dubbio gusto che a lui piaceva definire “molto rococò davvero belle mi sento come Caravaggio”). Beato te amore mio che il coraggio non ti abbandona.

Immagine

Entra in politica sostanzialmente filosofeggiando con frasi dalla tendenziosa verbosità.

Immagine

E’ fiero di quel che è e non ha paura (quasi mai) dell’outing. Diventa il miglior amico della donna (surclassando il gatto, troppo mainstream) e conduce programmi dove diviene  giudice implacabile sul vestiario altrui e attento creatore di matrimoni etero (che in Italia ancora non gli è permesso sposarsi. Ahimè).

Stilata finalmente la lista del “perchè ti chiamo gay” ancora non capisco tutta questa diffidenza verso le ormonaute che ormoni differenti dai loro li riconoscono.

Li riconoscono senza la pretesa di sposarseli.

Sarà che tutta questa pansessualità, questa voglia di sentirsi tutti un po’ maschiacci e un po’ sensibili dentro, tutti un po’ completi ma sempre alla ricerca di qualcuno, tutte un po’ femministe che alla fine cercano solo il poveretto che le porti la colazione a letto ci stia rincoglionendo nel piu’ vero senso della parola?

Immagine

Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...