Apologia del carboidrato

Succede.

Succede a tempi alterni, sempre quelle due/tre volte l’anno, quando magari si avvicinano le feste e dovrai rivedere il serpentino parentado o peggio, l’estate e i costumi indecenti di Calzedonia (con altrettante modelle indecenti e inumane) incombono e tu, studente fuorisede colpevole dell’ingrasso dopo una rapido “mea culpa” prendi la dolorosa decisione: ti metti a dieta.

Immagine

Una volta fatta l’irrevocabile scelta non resta che intraprenderla fino in fondo e, come diceva mio nonno “l’importante nel fare le cose è l’atteggiamento con cui si affrontano”.   Sostanzialmente ci sono quattro tipi fondamentali di eroi con il physique du rôle degli irriducibili del dimagrimento a tutti i costi, ovvero:

I Tibetani: affrontano la dieta con la pace interiore che li contraddistingue.

Inutile tentarli: puoi anche portarti a casa tutto il rotolone unto e bisunto di kebab con kebabbaro sorridente incluso, nulla li distoglierà dall’obiettivo prefissato. Riescono a includere nella loro dieta i principi naturali del benessere, i cereali e lo yogurt al 100% bio che rispetta il pianeta, biodinamico, amico delle piante, con latte munto direttamente dal nonno di Heidi. L’istinto omicida non li sopraffarrà.

Ben inteso che difronte cotanto equilibrio mentale io mi inchino.

Immagine

I rancorosi: Si, va bene, lo fanno. La dieta la iniziano, ci si impegnano pure ma guai a provocarli o a scartare un pacchetto di M&M’s sotto il loro raffinatissimo naso: la vita potrebbe diventare molto difficile e dura.

Per tutti gli inquilini. La loro dieta è fondamentalmente a base di rabbia, lacrime e sangue. Ogni tanto ci scappa anche l’ormone e in quel caso il servizio di cronaca nera dell’ultim’ora sul Tg5 è davvero dietro l’angolo.

Immagine

I fashionist: Per loro la dieta non è semplicemente un mezzo per calare di peso, è un modo di essere.

Costantemente controllati ed estremamente soddisfatti della scelta fatta, si tuffano felici in un mare di proposte dietetiche: dalla Dukan alla Planck, da quella a base di carciofi a quella completa di stella marina e zoccoli di bue muschiato. Sono informatissimi e passano da una proposta all’altra con incredibile euforia.

Ovviamente sono i principali fautori dello strepitoso successo dell’ultima trovata del marketing Kellogg’s: ogni mattina anche loro cambiano colore in pendant con i cereali e la frutta che versano serafici nella tazza.

Immagine

I cheerleader: Loro non solo la fanno, la propongono, la studiano e ci fanno anche un progetto di propaganda politica sopra: sono gli ufficiali PR delle diete. 

Si autogasano, sono ultra convinti della scelta che hanno fatto e già si vedono magri e baciati dal sole su spiagge caraibiche con in mano un cocktail (rigorosamente gluco-free) a godersi la meritatissima vacanza anti-carboidrato.

Il loro slancio è ammirevole: sono in grado di programmare diete rigorose e di rispettarle con onore (salvo arrivare al giorno fatale in cui, sopraffatti dal dolore, abbandonano le trincee della resistenza per tuffarsi nel peccato che manco Nanni Moretti in Bianca.)

Tendono purtroppo a perdere l’entusiasmo per la strada fiaccati dalla stanchezza degli intensi primi giorni.

Immagine

Per quanto mi riguarda io, che dedicherei “io che non vivo senza te” alle lasagne al forno e sostengo con ardore che Chaplin nella sua celebre citazione non intendesse il sorriso ma la pasta,trovo le diete una rappresentazione della quintessenza del male puro. Un chiaro esempio dell’esistenza di Belzebù e del tormento demoniaco.

La situazione peggiora ulteriormente se alla dieta viene unito il “fare un pò di movimento”: altra espressione fallace perchè ad un’attenta analisi spostandomi dal letto al divano con il telecomando in mano faccio già un “pò di movimento” e non è certo lo stesso “movimento” che mi fa spruzzare acido lattico da tutti i pori sudata e in preda a convulsioni dopo 50 Km di tapis roulant con la lingua penzoloni manco fossi un San Bernardo a Cervinia.

Ai barbiturici preferisco decisamente i carboidrati.

Annunci