Ormonauta

Cose che vorreste sapere di una relazione ma che non avete il coraggio di chiedere.

Va bene, visto che ormai è n volte che leggo quanto sia “fantastico-da super fighi/super eroi-meraviglioso-divino-appagante” essere SINGLE usando come esempi di svantaggi nel non esserlo situazioni che manco la coppia peggio assortita di Barbie e Ken lobotomizzati vivrebbe, farò un elenco di vantaggi tratti da relazioni assolutamente reali che in un mondo non virtuale possono succedere senza tanti miasmi e paranoie.

Tra l’altro, se proprio avete bisogno di esempi positivi come coppie che vi diano un attimo di fiducia nell’essere umano potreste prendere nota pensando a:

  • Rebecca Bloomwood e Luke Brandon
  • Turk e Carla
  • Elliot e JD
  • Hermione e Ron

Detto ciò, se sei felicemente accoppiato e il tuo partner non è una triste protesi umana che ti aiuti a camminare, puoi:

Immagine

1) guardare la tv in pigiama anti stupro e sentirti donna “dentro fuori e anche di piu’” perchè c’è un pene che ti guarda e ti stringe comunque,
2) guardare la stessa tv di cui sopra condividendo commenti favolosamente acidi su un programma spazzatura senza sentirti decerebrata,
3)fare la spesa in modo “salutare e consapevole” con qualcuno che ti guarda malissimo se i cibi grassi superano di gran lunga quelli proteici,
4) sforzarti di convincerlo sviluppando il tuo lato pragmatico perchè se i cibi grassi superano quelli proteici c’è una plausibile ragione ormonale,
5)decidere insieme come cucinare i suddetti cibi grassi per poi mangiarli complimentandosi a vicenda,
6)accusarlo di farti ingrassare,
7) ricevere continui complimenti riparatori (che comunque i complimenti sono come il maiale: non si butta via niente),
8)preoccuparti di mantenere una decente forma fisica ed evitare lo svaccamento atomico perchè “cosi vedi la ex come ci rosica”!
9) tornare a casa dopo una giornata intensa e trovarlo che ha rifatto il letto e lavato la cucina anche se non sei in premestruo
10) tornare a casa e trovare il tuo dolce preferito perchè sa che sei in premestruo,
11)avere il doppio dei mobili e dei quadretti e dei complementi d’arredo con cui arredare stanze a sua insaputa per vedere l’espressione che fa quando torna a casa,
12) sentire un flebile ma convincente “è bellissimo cosi, amore” alla vista del lavoro da designer ormai compiuto,
13) essere chiamata perchè sei fuori casa con il diluvio universale e “l’ombrello l’hai preso?!”
14) ridere per mesi pensando ad una figuraccia fatta al pranzo domenicale dai suoi,
15) farlo ridere mesi per una frase fuori luogo di tuo padre,
16)provare cose nuove (cibi, locali, drink, stili musicali) e rimanerne piacevolmente sorpresa,
17) parlare con lui di tutto ma proprio di tutto, di qualunque puttanata ti venga in mente, paranoia, fissazione, pippone e paura irrazionale per poi sentire la stretta delle sue mani e “dai, andrà bene. Ci sono io con te”.

Per finire, l’ultima. La frase che ha senso se e solo se nella vita si ha vissuto di tutto e si è saputo vivere con tutti, soprattutto con se stessi:
18) “non ci riesci? arrivo subito e lo facciamo insieme.”

Immagine

Stare insieme qualcuno con cui condividere l’esistenza intera (si lo so, messa cosi fa già paura) non significa necessariamente dover recitare lo spot pubblicitario della Coca Cola e fingere orgasmi tutti i giorni. La parola “compromesso” è stata inventata (ho buoni motivi per credere dal creatore della supposta: non riesco a trovare nulla che riesca a contenere in se il concetto di sacrificio unito a beneficio meglio dell’uso di una supposta) e serve davvero per far funzionare un rapporto. Ovviamente, come la miriade di formule fisiche non basta a risolvere i problemi perchè “bisogna saperla usare“.

Essere single è facile, stare insieme e confondersi le cellule e i pensieri impone coraggio.

Detto questo: enjoy!

 

Annunci
Standard
Uncategorized

Come riconoscere (ed evitare) le vere merde.

Perchè i veri stronzi non fumano solo in inverno.

Credetemi, non parlo per semplice saccenteria, non è assolutamente un vanto per me ribadire quanta esperienza io abbia in questione. A prescindere dalle uscite liceali a base di sbronze e figuracce con Rossa Malpela e Malavoglia.

Immagine

Certo, i bidoni della spazzatura che ho frequentato durante gli anni della fiera occupazione, quando ancora la lotta comunista e il diritto all’istruzione venivano discussi in classe, hanno sicuramente contribuito a rendermi ciò che sono (rimpinzandomi cioè di tutta l’acidità e il cinismo che possano mai circolare in ben 55 kg di peso) ma è, stranamente, soprattutto in questi anni universitari “maturi” che le esperienze anche indirette di amici e parenti mi hanno portato a riflettere su una triste quanto banale verità: la maggior parte delle persone fatica a riconoscere le merdacce.

E per “merdacce” non mi riferisco a quelle lasciate da quadrupedi al bordo delle strade.

Au contraire. 

Come cantava De Andrè in una sua celebre canzone “dai diamanti non nasce niente, dal letame nascon fior” e lasciatemi dire che se state pensando solo a quanto possano essere dannosi e traumatici gli incontri con determinate persone forse state dimenticando quanta ricchezza emotiva, autostima e amore per qualunque forma di vita meritevole possa far nascere in voi il discutibile incontro con suddetti elementi. E se non son fiori questi, voglio dire.

Da quando ho deciso di allontanarmi correndo da persone salutari e positive come Borghezio che rischia un infarto sbraitando in un talk show politico, non posso fare a meno di notare quanto stia maledettamente bene, e cioé:

  • non ho nessuno che mi dica cosa devo fare e cosa non devo fare “perchè sennò mi incazzo”
  • non ho nessuno con cui litigare (badate bene, ho scritto “nessuno con cui litigare“, visto che un partner c’è ma è troppo un amore e litigarci fortunatamente è impossibile) si, c’ho avuto culo.
  • non ho una continua e onnipresente fonte di stress (no, non ho abbandonato l’università. Si, mi riferisco sempre a presenze merdacee nella mia sciagurata vita precedente al cambiamento).

Immagine

Chiaramente, per le semplici leggi dell’evoluzione, ci sono classici meccanismi attuati dai suddetti parassiti intestinali in questione che permettono loro di avere successo con la fauna ingenua che li circonda e di cui, alla fine, abusano:

   1. “credo di essere gay”. 

Vi prego, c’è veramente qualcuno che ci casca ancora? Chi crede davvero che un conoscente possa non solo confidarsi apertamente manco fosse l’ospite principale di Pomeriggio 5 ma che un uomo asserisca deliberatamente di non essere sicuro della propria virilità forse l’incontro/scontro con la merda in questione se lo merita. 

Ho conosciuto frotte di ragazze belline e poco sveglie cadute nella trappola: si impietosiscono difronte un caso umano, cadono nel vecchio trucco del fare le veci di una buona e paziente psicologa e si inflippano come sardine nel loop mentale che un tipo cosi “profondo e sensibile” è in grado di creare. A lui non resta, poi, che tirare la corda e mettervi nel cestino col resto delle trote.

  2. “ho gravi problemi”

Fuggite finchè siete in tempo senza voltarvi. Gli uomini non sono in grado di parlare dei loro problemi, minimamente. Si aprono con difficoltà con la compagna scelta da una vita in quanto “marziani” (cfr. l’illuminante libro Gli Uomini Vengono da Martele Donne da Venere di John Gray) tendendo a tenersi tutto dentro fino a scoppiare come polli surgelati infilati nel microonde. Giammai considererebbero l’idea di rendere partecipe la propria donna di un loro problema perchè “sono un uomo cazzo, me la devo sbrogliare da solo”.

Pensate davvero che voglia confidarsi con voi, magari parlandone al telefono smaltandosi le unghie dei piedi?

Per cortesia.

ndr. se ha davvero gravi problemi è facile che voglia davvero coinvolgervi nella sua vita. 

Per succhiare il vostro giovane e fresco sangue.

 

  3. “sono impegnato ma sono in crisi”

Tralasciando il detto “non fare agli altri ciò che non vorresti esser fatto a te” (non sono religiosa tanto meno bigotta ma non credo che un paio di corna sia nella top ten dei regali graditi, generalmente) chi ha l’abitudine di entrare in crisi facilmente per poi decidere bellamente di mangiare da un piatto che non è della sua portata (non avendo nemmeno finito quello precedente) raramente deciderà di sfamarsi attingendo da una pietanza sola.

Faccio un chiaro esempio: se gli piacciono le piadine con crudo di parma e rucola non è improbabile che domattina possa svegliarsi con la voglia di cotica e fagioli

Se siete pastasciutta fatevi un domanda e datevi una risposta.

  4. “non voglio storie serie, adesso”

In questo caso la merdaccia si è totalmente rivelata: non vuole storie serie. Almeno siate coerenti e alzate i tacchi andando lontano da lui. Non dico che dobbiate odiarlo e/o denigrarlo, assolutamente. Sappiate solo che, in quanto donne, l’ossitocina e tutta una serie di ormoni che si attivano post coito ci remano contro. Ergo: tenterete sempre di attaccarvi come cozze allo scoglio.

Sayonara.

 

  5. “scusami, volevo davvero uscire con te ma ho dimenticato il cell in macchina/a casa/nelcessodimianonna e non sono riuscito a contattarti”

Se volete davvero (ma davvero) con tutte le vostre forze legarvi ad un uomo che, già dalle prime volte, si dimentica di voi facendovi sentire come l’ultima ruota del carro, bene, preparatevi a vivere compleanni molto molto tristi.

Parlo per esperienza personale.

 

  6. “sai, il mio rapporto precedente andava benissimo ma poi lei mi ha lasciato straziandomi il cuore. Siamo rimasti in buoni rapporti, però!”

Traduzione: “sai, il mio rapporto precedente andava benissimo ma poi lei mi ha lasciato straziandomi il cuore e nonostante sia una vacca egoista e tremendamente inopportuna siamo rimasti in rapporti cosi buoni che non dovrai sorprenderti di trovarla nel mio letto di una piazza e mezza con le lenzuola di Spiderman che mi regalò mamma per Natale.”

 

What else?

Immagine

 

Standard